Operazioni Rif. PA 2018-10699/RER-2018-10707/RER – 2018-10708/RER
Approvate con DGR 2142 del 10/12/2018
Operazioni Rif. PA 2019-12589/RER–2019 - 12590/RER–2019 - 12591/RER-2019
Approvate con DGR 1721/2019 del 21/10/2019
cofinanziate dal Fondo Sociale Europeo PO 2014-2020 Regione Emilia-Romagna

Cosa significa STEAM?

Steam significa futuro.
Quello dove vivremo tutti tra qualche anno.

In inglese STEAM è l’acronimo di Science, Technology, Engineering, Art, Mathematics: sono le materie scientifiche, la matematica, la tecnologia, l’ingegneria, mescolate agli strumenti digitali e alla creatività artistica.

STEAM significa... (...)

STEAM
significa avere senso critico su quello che succede, conoscenza delle condizioni sociali, capacità di ideare nuove soluzioni e di fare collegamenti tra fatti e concetti diversi.
STEAM significa lavorare in modo creativo, innovativo e sostenibile.
STEAM significa favorire un progresso non solo economico ma anche umano e sociale.

Cosa significa STEAM?

HAI MAI PENSATO CHE SCIENZA E ARTE POSSONO ESSERE PARTE DI UNA STESSA ATTIVITÀ?

Lavorare in campo scientifico sarà una attività sempre di più legata alla cultura umanistica e alle Arti, che danno una
visione più ampia e complessa, per capire e per lavorare in armonia con il mondo.

Qualche esempio? 
(...)
I lavori del futuro non sono del tutto chiari, nemmeno agli esperti. Ma è certo che la robotica, il web, la connessione tra persone e macchine grandi e piccole, saranno sempre più presenti nella nostra vita quotidiana, in pratica dappertutto e per tutti.

Tutto sarà digitalizzato e noi saremo sempre più connessi: con le nostre case, le strade, le imprese, l’ospedale, la scuola etc… potremo “parlare” con le macchine del posto di lavoro e con gli elettrodomestici di casa, dirigere a distanza quello che devono fare e così migliorare i tempi e i modi per farle.
È una grande trasformazione che richiede conoscenze tecniche e fantasia, che tutti potremo aiutare se avremo le competenze per farlo.

SE SEI CURIOSA, ecco qualche esempio di professione del futuro che potrebbe diventare realtà …

♦ Agricoltore verticale (...)
C’è un interesse sempre maggiore per l’idea delle fattorie urbane verticali, i luoghi in cui è possibile produrre cibi da coltivazioni idroponiche all’interno di edifici a più piani. Queste strutture danno la possibilità di aumentare in modo significativo i raccolti e di ridurre il degrado ambientale. Per gestire queste fattorie verticali ci sarà bisogno di agricoltori specializzati in possesso di competenze scientifiche, ingegneristiche e commerciali.

♦ Specialista per la riduzione degli effetti dei cambiamenti climatici (...)
Dal momento che l’impatto negativo dei cambiamenti climatici continua a crescere, in un futuro neanche troppo lontano sarà necessario un nuovo tipo di ingegnere-scienziato capace di agire per ridurre o addirittura invertire gli effetti di questi mutamenti in zone e località particolari. Il loro compito sarà quello di applicare soluzioni multidisciplinari che spaziano dal riempimento degli oceani con limature di ferro alla costruzione di giganteschi ombrelli per la deviazione dei raggi solari.

♦ Avvocato virtuale (...)
La nostra vita quotidiana si svolge sempre di più online. Ecco perché ci sarà una forte richiesta di specialisti chiamati a risolvere le controversie legali che potrebbero insorgere tra cittadini residenti in giurisdizioni legali differenti.

♦ Manager di avatar per l’insegnamento (...)
E’ possibile che nelle scuole elementari verranno utilizzati degli avatar come insegnanti virtuali per aiutare o sostituire gli insegnanti reali. Per esempio, potranno nascere dei personaggi computerizzati con il ruolo di guide interattive. Servirà quindi una figura professionale capace di gestire e indirizzare in modo corretto il rapporto tra gli studenti e gli insegnanti/avatar.

♦ Sviluppatore di mezzi di trasporto alternativi (...)
In futuro ci saranno sempre più progettisti e costruttori che creeranno mezzi di trasporto di nuova generazione utilizzando materiali e carburanti alternativi. Secondo previsioni un po’ più azzardate, entro i prossimi vent’anni potrebbero diventare realtà anche le automobili volanti e quelle sottomarine.

♦ 'Narrowcaster' (...)
I mass media generalisti (broadcasting media) tendono sempre di più a produrre e diffondere contenuti personalizzati (narrowcasting), emergeranno sempre più opportunità di lavoro per i “narrowcaster”, gli specialisti che lavoreranno in sinergia con fornitori di contenuti e agenzie pubblicitarie per creare prodotti audiovisivi ritagliati su misura in base alle esigenze specifiche del pubblico.

♦ Responsabile per lo smaltimento dei dati personali (...)
Ci sarà sempre più richiesta di specialisti che forniscano alle persone che non voglio essere rintracciate un servizio efficace di smaltimento ed eliminazione dei dati personali presenti nei vari database, elettronici o fisici.

♦ Responsabile della gestione e dell’organizzazione della vita digitale (...)
Vedremo nascere esperti che avranno il compito di aiutarci a organizzare la nostra “vita digitale”. Su richiesta, questi “manager dell’ordine elettronico” si occuperanno di gestire le nostre email, assicurando un’archiviazione efficace dei dati, e di sistematizzare e razionalizzare le nostre identità digitali (username e password) e il modo in cui utilizziamo i software e le applicazioni.

♦ Broker del tempo (...)
Se si pensa alle esperienze delle banche del tempo, si può affermare che già oggi il tempo a disposizione delle persone è utilizzato in alcuni casi come sistema alternativo di pagamento. Questa “moneta alternativa” potrà dare luogo a un vero e proprio mercato “finanziario” del tempo, in cui agiranno broker e agenti di cambio specializzati.

♦ Assistente sociale per social network (...)
E’ probabile che in futuro ci saranno assistenti sociali specializzati che avranno il compito di aiutare le persone traumatizzate o marginalizzate dai social network.

♦ 'Personal brander' (...)
Sarà il consulente che ci aiuterà a creare un nostro marchio, un “personal brand”, attraverso i social media e altri mezzi di comunicazione di massa. Il “personal brander” si occuperà di definire insieme a noi che tipo di identità e personalità vogliamo trasmettere su Facebook, Twitter, blog e così via. Sarà questo tipo di esperto a darci i consigli per capire come trasferire i nostri valori nella nostra identità digitale e misurare quanto la nostra immagine virtuale è compatibile con la realtà.


… e chissà cos’altro…!!!

Share on

Partner istituzionali

Provincia di Forli Cesena
Ufficio Scolastico

Capofila progetto

Enaip

Partner progetto

Techne
CnosFap
IRECOOP
Assoform
CNA-Forli
Enap
Formart
ial
iscom
demetra
Engim